ATTENZIONE: Il sito è ottimizzato per una visione in verticale, gira il tuo tablet/smartphone.

ATTENZIONE: Il sito è ottimizzato per una visione in orizzontale, gira il tuo tablet/smartphone.

Moltissimi negozianti si chiedono se per esporre una vetrofania o un cartello sulla propria vetrina devono chiedere un’autorizzazione comunale o pagare una tassa pubblicità sulle vetrine.

Sono Maurizio Zanelli, titolare dello Studio Comunicazione Zanelli Snc e direttore creativo di Vetrine Decorate, sito specializzato nella vendita di vetrofanie.

In questa lezione ti darò tutti gli strumenti e tutte le informazioni necessarie per aiutarti a capire se devi pagare o meno una tassa sulle tue vetrine quando esponi una vetrofania o un cartello.

tassa-pubblicità-sulle-vetrine

Come viene regolamentata la tassa pubblicità sulle vetrine?

Darti una sintetica e definitiva risposta a questa domanda non è facile, ma non temere ti farò diventare un vero esperto!

Il Decreto Legge che regolamenta la tassa pubblicità sulle vetrine (507 del 1993) può essere interpretato in moltissimi modi e può variare da Comune a Comune. In questo Decreto viene data come direttiva nazionale, sugli strumenti pubblicitari, un’ampia possibilità di scelta al Comune di stabilire delle regole proprie.

In linea di massima lo Stato richiede che tutti gli strumenti e i messaggi pubblicitari siano sottoposti ad un’autorizzazione e al pagamento di una tassa pubblicità nel Comune dove si svolge l’attività.

Vetrofania decorativa o pubblicitaria?

Essendo che parliamo di vetrofania dobbiamo distinguere se ha una finalità decorativa o pubblicitaria. Indipendentemente se viene esposta in vetrina o sulla porta.

  1. Se la vetrofania o il cartello che decidi di esporre nella tua vetrina ha solo finalità di abbellimento della vetrina (con ad esempio immagini augurali, natalizie, pasquali, floreali, ecc…) non si richiede alcuna tassa o autorizzazione.
  2. Mentre se la vetrofania, o il cartello che decidi di esporre nella tua vetrina, ha una esplicita funzione pubblicitaria è probabile che dovrai quantomeno comunicarne l’installazione di essa al Comune e pagare una tassa per la pubblicità sulle vetrine. Può essere anche una tassa di piccola entità (pochi spiccioli mensili, in Italia si parla di 3 o 4 euro) relativa però solo al messaggio pubblicitario e non all’intera grafica che viene esposta.

Facciamo un esempio per capire se devi pagare o no:

Se nel periodo di Natale esponi una vetrofania con un immagine di Babbo Natale ed un messaggio promozionale di uno sconto dovrai pagare una tassa pubblicità sulle vetrine solo sul messaggio dello sconto mentre per l’immagine di Babbo Natale non dovrai pagare nulla.

Questo perchè sarà presente solo per abbellire il tuo negozio e porgere i tuoi auguri a tutti i tuoi affezionati clienti ma NON per lanciare un messaggio promozionale diretto (riferito alla merce che vendi) ai tuoi clienti.

Come ti accennavo in precedenza però essendo questo Decreto Legislativo variabile di Comune in Comune ti consiglio di fare qualche ricerca, per accertarti di persona se dovrai pagare o meno una tassa pubblicità sulle vetrine.

Dove trovare le risposte esatte?

Una soluzione semplice ed efficace alla domanda è quindi la ricerca.
La soluzione potrebbe essere disponibile, in tempi rapidi, in due posti:

  • sul sito web o presso l’URP
  • ufficio tributi/affissione

Ogni Comune dovrebbe avere un PGIP (Piano Generale degli Impianti Pubblicitari) dove sono descritti tutti gli strumenti pubblicitari ammessi sul territorio comunale, le procedure di autorizzazione con i relativi moduli e i costi giornalieri o mensili.

Questa documentazione ti aiuterà quindi sia ad effettuare i pagamenti della tassa pubblicità sia a scoprire, in anticipo, quanto ti costerà eventualmente un progetto promozionale pubblicitario.

Non tutti i Comuni però l’hanno effettuata. Ecco perchè potresti trovarti in…

3 diverse situazioni:

Ti potresti ritrovare in 3 differenti situazioni a seconda del Comune:

  • Il tuo Comune potrebbe richiederti una domanda, un progetto e il versamento di una tassa per la pubblicità sulla tua vetrina.
  • Potrebbe richiederti semplicemente di spedire una semplice comunicazione all’ufficio affissioni/pubblicità e una tassa bassissima per ogni mese in cui la pubblicità verrà esposta sulla tua vetrina.
  • Oppure non avendo redatto il proprio PGIP (Regolamento comunale sulla pubblicità) potrebbe permetterti l’esposizione di vetrofanie senza particolari richieste o tassazioni.

Eccezioni sul pagamento tassa pubblicità sulle vetrine:

La tassa pubblicità sulle vetrine contiene anche delle altre eccezioni.
Potrai infatti inserire delle vetrofanie e dei cartelli, senza pagare alcuna tassa, se rientrano in alcune categorie.

Non dovrai quindi pagare nessuna tassa pubblicità se sono:

  • della dimensione fino a 300 cmq
  • con nome del negozio fino a 500 cmq (per vetrina)
  • Con il nome o il logo del brand che vendi all’interno del negozio fino a 500 cmq (per vetrina).

Grazie a queste eccezioni potrai pubblicizzare maggiormente dei brevi messaggi per i tuoi clienti, i brand su cui decidi di puntare maggiormente le vendite o che comunque vuoi far conoscere al tuo pubblico, il nome del tuo negozio e molto altro ancora.

Alla prossima,

Maurizio Zanelli di
vetrinedecorate.it

p.s. Ora che sai come funziona la tassa sulle pubblicità in vetrina, passiamo al secondo tormentare dei negozianti: Come attaccare le vetrofanie? E a cosa servono? >>

Cliento School