ATTENZIONE: Il sito è ottimizzato per una visione in verticale, gira il tuo tablet/smartphone.

ATTENZIONE: Il sito è ottimizzato per una visione in orizzontale, gira il tuo tablet/smartphone.

In questo articolo, specializzato per il mondo dei negozi, parliamo di:

Buona lettura!

Camminando per le vie dei centri si vedono vetrine che espongono i prezzi e altre no, o alcune con un’esposizione solo parziale di etichette.

Questo genera la fatidica domanda:

 

1. E’ obbligatorio mettere i prezzi in vetrina? 

Beh, a qualcuno può sembrare strano, ma il primo dubbio che ci viene sottoposto è: metterli o non metterli?

Per legge i prezzi vanno esposti e solo per questo ti tolgo qualsiasi dubbio. Per alcuni prodotti però ci sono delle eccezioni.

Ti riporto l’estratto:

*Direttiva 98/6/UE, recepita dal Codice del Consumo, D.Lgs. 206/2005, art. 14-17:
I prodotti esposti per la vendita al dettaglio nelle vetrine esterne o all’ingresso del locale e nelle immediate adiacenze dell’esercizio o su aree pubbliche o sui banchi di vendita, ovunque collocati, debbono indicare, in modo chiaro e ben leggibile, il prezzo di vendita al pubblico, mediante l’uso di un cartello o con altre modalità idonee allo scopo. Quando siano esposti insieme prodotti identici dello stesso valore è sufficiente l’uso di un unico cartello. Tutte le merci comunque esposte al pubblico devono sono soggette a questo obbligo; sono esclusi i prodotti sui quali si trovi già impresso in maniera chiara e con caratteri ben leggibili li prezzo di vendita.
Sono altresì esclusi pellicce, “haute couture”, opere di oreficeria, gemme o antichità, il cui prezzo sia superiore ai 1.746 euro. I prezzi di oreficeria e gemme possono essere indicati su piccoli cartellini collegati al prodotto, non visibili dall’esterno.

Qui puoi leggere tutta la direttiva sui prezzi da esporre in vetrina.

 

Multa per i prezzi non esposti in vetrina

La multa per chi non espone i prezzi varia dai 516 euro a 3.098 euro. L’autorità competente è il Sindaco del comune di riferimento.

Quindi ricapitolando:

  • i prezzi vanno esposti in vetrina
  • devono essere ben leggibili e chiari
  • il prezzo indicato deve essere quello di vendita al pubblico
  • Se il prezzo del prodotto è superiore ai 1.746 euro l’esposizione del cartellino con il prezzo può essere nascosta dietro al prodotto

Ma indicare o meno il prezzo dei prodotti in vetrina non è solo questione di legge.

 

2. Non mettere i prezzi in vetrina genera la paura dell’acquisto.

Come forse già sai la più grande leva emotiva che induce un essere umano a non compiere una determinata azione è la paura. Il problema del NON mettere i prezzi in vetrina è che genera nell’inconscio del passante un dubbio. Ed è proprio il dubbio uno dei più grandi generatori di paura. E cosa credi che accada quando un passante ha inconsciamente “paura” del prezzo? Se ne va, si allontana da ogni dubbio.

Infatti al contrario, uno dei più importanti concetti di marketing si racchiude in una sola parola: CHIAREZZA.

Non creare dubbi, esponi i prezzi tutte le volte.

Hey, aspetta un attimo prima di continuare, c’è una cosa di cui vorrei parlarti. Si tratta di un segreto che è rimasto “sommerso” per anni, e pur essendo una cosa tanto antica, per la maggior parte dei proprietari di negozi appare come una cosa nuova. Presta attenzione a questa frase:

Più cresceranno le tue competenze e maggiori saranno i risultati del tuo negozio.

Pensaci bene, se hai fatto la giusta esperienza nel mondo del retail hai già capito quanto è profondo questo concetto, l’importanza della conoscenza è una verità che esiste da migliaia di anni eppure oggi sembra che in molti vadano solo di corsa senza una direzione.

Ma tu ovviamente sei diverso, perché se sei qui e stai leggendo queste righe significa che sei già orientato a sviluppare le tue competenze, quindi non fermarti, fai un passo avanti, puoi iscriverti gratuitamente alla Cliento School e dare inizio ad un vero percorso,

sarai costantemente aggiornato sulle più avanzate strategie e sulle nuove meccaniche per la gestione del negozio, così in un mondo in continuo cambiamento le tue competenze saranno sempre al passo: vieni a sbirciare la pagina di iscrizione, ci vogliono pochi secondi, iscriviti adesso »

Detto questo dietro al discorso “prezzi” c’è un mondo. Infatti in base a come metti i prezzi, se li scrivi a mano oppure no, se li raggruppi in un unico cartello o metti differenti cartellini ecc… Otterrai risultati di vendita differenti.

Quindi COME mettere i prezzi in vetrina e COME vanno scritti?

Troverai tutte le risposte racchiuse in un capitolo interamente dedicato alla psicologia dei pezzi con 5 Casi studio nel corso avanzato “Le vetrine si fanno così.”

Scoprirai ad esempio che, secondo un recente studio, scrivere i prezzi a mano aumenta la probabilità che un cliente ti chieda lo sconto.

 

 

3. Come mettere i prezzi nel periodo dei saldi

Nel periodo dei saldi devi mettere esposti in vetrina:

  1. Il prezzo originale del capo esposto
  2. il prezzo scontato scritto per interno
  3. e la percentuale dello sconto

Vanno esposti tutti e tre, se non lo fai potrebbero darti una multa che può arrivare anche a 1000 euro.

Inoltre a partire da 30 giorni prima del periodo dei saldi è vietato portare avanti altre iniziative promozionali. Ecco il link ad un sito con i vari regolamenti: obblighi del negoziante nel periodo dei saldi.

Questo è solo per farti un’idea, ma per sicurezza fatti dare il regolamento dal tuo ente di riferimento.

Alla prossima!

Elena Gaddò
autrice del corso Le vetrine si fanno così
Studia, agisci, misura, migliora!

Cliento School